VINCE IL GIOCO DI SQUADRA TRA COMUNE E GOVERNO. EVENTO IMPORTANTE CON MINIMO IMPATTO SUI FONDI PUBBLICI

VINCE IL GIOCO DI SQUADRA TRA COMUNE E GOVERNO. EVENTO IMPORTANTE CON MINIMO IMPATTO SUI FONDI PUBBLICI

Ospitare le ATP Finals dal 2021 al 2025 è un risultato straordinario. Vince il gioco di squadra tra Comune di Torino e Governo, vince il tandem tra istituzioni che lavorano per lo sviluppo di questo territorio. In questo modo la città diventa, ancora di più, protagonista nel mondo dello sport grazie ad un evento di richiamo mondiale. Una rassegna che porterà grande visibilità a Torino evitando, allo stesso tempo, impatti traumatici sui fondi pubblici e sul territorio.

Il prossimo governo regionale dovrà dialogare, al meglio, con Comune e Governo per gestire le prossime fasi di questo importante evento internazionale.

PIANO INVASI: 6,5 MILIONI PER IL PROGETTO DI IRRIGAZIONE A GOCCIA A VILLAREGGIA. RISPOSTE CONCRETE PER SOSTENERE L’AGRICOLTURA, L’AMBIENTE E LE PRODUZIONI LOCALI

PIANO INVASI: 6,5 MILIONI PER IL PROGETTO DI IRRIGAZIONE A GOCCIA A VILLAREGGIA. RISPOSTE CONCRETE PER SOSTENERE L’AGRICOLTURA, L’AMBIENTE E LE PRODUZIONI LOCALI

Il Governo, su proposta del Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, ha firmato il Decreto del Piano nazionale del settore idrico (Piano invasi) che contiene importanti investimenti per il Piemonte.

Tra gli stanziamenti spiccano 6,5 milioni per la realizzazione di un invaso a supporto dell’impianto di irrigazione a goccia in comune di Villareggia (TO) destinati al Consorzio irriguo Miglioramento Fondiario “Angiono Foglietti”.

Una risposta concreta alle richieste degli agricoltori di questa zona con l’obiettivo di realizzare un’importante opera utile a chi lavora la terra ed all’ambiente. La nostra regione arriva da un lungo periodo di siccità che ha creato disagi a molti agricoltori, questo è un primo passo per utilizzare meglio le risorse a disposizione evitando sprechi e sostenendo le produzioni agricole locali.

DECRETO AREA DI CRISI COMPLESSA PER TORINO E PROVINCIA: RISULTATO STORICO. MAI UN GOVERNO AVEVA UTILIZZATO QUESTO STRUMENTO PER IL TORINESE

DECRETO AREA DI CRISI COMPLESSA PER TORINO E PROVINCIA: RISULTATO STORICO. MAI UN GOVERNO AVEVA UTILIZZATO QUESTO STRUMENTO PER IL TORINESE

Un risultato storico, mai prima di ora un Governo era intervenuto in maniera così importante per sostenere Torino e la sua Provincia.Un risultato storico, mai prima di ora un Governo era intervenuto in maniera così importante per sostenere Torino e la sua Provincia.

La firma del Ministro dello Sviluppo Economico Di Maio al decreto ministeriale per riconoscere l’area di crisi complessa a Torino e nei Comuni della provincia torinese è una straordinaria vittoria. Per la prima volta un Governo utilizza questo tipo di strumento per gestire la difficile transizione industriale come quella che sta avvenendo in settori cardini per l’economia torinese: automotive ed aerospazio.

 

Questo intervento straordinario prevede finanziamenti fino a 150 milioni di euro per aiutare le imprese che fanno innovazione ed in particolare consentirà di sostenere il progetto della 500 elettrica. Una sfida importante per la mobilità ecologica del futuro e per l’occupazione in un territorio già pesantemente provato dalla crisi economica.

 

 

E’ stato proprio il gruppo regionale del Movimento 5 Stelle a sollecitare la Regione a presentare istanza per l’area di crisi complessa insieme al comune di Torino. Quello di oggi è un risultato straordinario che, siamo sicuri, porterà risultati concreti in ottica di innovazione ed occupazione.

 

Giorgio Bertola, Candidato Presidente Regione Piemonte

Alstom Savigliano, annunciato il programma del ministero per i treni ad idrogeno. Innovare per creare occupazione

Alstom Savigliano, annunciato il programma del ministero per i treni ad idrogeno. Innovare per creare occupazione

Ieri, insieme al Sottosegretario allo sviluppo economico Davide Crippa, abbiamo visitato lo stabilimento Alstom di Savigliano (CN), eccellenza piemontese nell’ambito della produzione e manutenzione dei treni.

Questo appuntamento nasce dal tavolo di confronto aperto a Roma presso il Mise (Ministero Sviluppo Economico) con i sindacati ad inizio anno a seguito della proposta (poi bloccata) di fusione Alstom-Siemens. Nel corso della visita, accompagnati dalla dirigenza e dalle rappresentanze aziendali, abbiamo visionato le linee di produzione e fatto il punto sullo stato di salute dello stabilimento saviglianese che conta 850 dipendenti ed è una realtà produttiva molto importante per il territorio e per l’industria ferroviaria italiana.

A seguito della visita si è tenuto un incontro con le RSU aziendali durante il quale il Sottosegretario Crippa ha sottolineato quanto le segnalazioni tempestive dei sindacati siano importanti nel lavoro del Ministero e si è impegnato a incontrare nuovamente le sigle sindacali a settembre, dopo la presentazione del programma strategico europeo, per una valutazione collegiale sul piano stesso e sul suo impatto sui siti italiani Alstom ed in particolare per quello di Savigliano.

A margine dell’incontro, il Sottosegretario ha inoltre anticipato l’imminente partenza di un programma del Ministero dello sviluppo economico sulla mobilità a idrogeno, che sottolinea l’impegno e l’attenzione da parte del Ministero per lo sviluppo di questa nuova tecnologia che può dare slancio e futuro al settore.

L’idrogeno potrà essere infatti in futuro un potenziale e importante vettore utile al miglioramento dello sfruttamento delle energie rinnovabili, specie nell’ottica in cui i treni a idrogeno possano ricoprire, a seguito di dettagliate analisi costi-benefici, il ruolo di alternativa laddove l’infrastruttura elettrica di potenziamento della rete di trasporto ferroviario risultasse troppo onerosa, rendendo quindi di fatto “green” le linee ferroviarie al momento percorse da vetture diesel.

Riapertura linea Arona-Santhia, il M5S c’è, il Pd fa polemica per nascondere i fallimenti di Chiamparino sui trasporti

Riapertura linea Arona-Santhia, il M5S c’è, il Pd fa polemica per nascondere i fallimenti di Chiamparino sui trasporti

Le polemiche del PD sull’intenzione del Movimento 5 Stelle di riaprire la linea ferroviaria sospesa Arona Santhià sono un maldestro tentativo di nascondere i fallimenti di Chiamparino e della sua amministrazione sulle politiche dei trasporti in Piemonte. Il governo, accusato dal consigliere Rossi (PD) di essere responsabile del taglio dei fondi sul capitolo trasporti, può inserire l’investimento nell’Accordo di Programma esclusivamente se la Regione ne richiede l’uso. E Chiamparino in 5 anni non l’ha mai fatto. Continua

Centrodestra fa muro contro la riforma della governance dei rifiuti. Con la complicità di una maggioranza Pd arrendevole. Tempi lunghi per l’attuazione della riforma

Centrodestra fa muro contro la riforma della governance dei rifiuti. Con la complicità di una maggioranza Pd arrendevole. Tempi lunghi per l’attuazione della riforma

Epilogo disastroso per la riforma della governance dei rifiuti avviata con la l.r. 1/2018. Oggi in commissione regionale il centrodestra ha fatto saltare il tavolo con la complicità di una maggioranza arrendevole. Ora l’applicazione della riforma subirà un ulteriore stop che congelerà l’istituzione della Conferenza d’Ambito regionale a cui spetterebbe la responsabilità di gestire e realizzare gli impianti a tecnologia complessa, come l’inceneritore del Gerbido e l’avvio al trattamento della frazione residuale indifferenziata e del rifiuto organico.

Il casus belli è stato generato dalla mancata fusione dei Consorzi di Bacino in Consorzi di Area Vasta i cui presidenti avrebbero presieduto la Conferenza d’Ambito regionale insieme al sindaco della Città Metropolitana. L’ente dovrebbe costituirsi entro l’11 aprile 2019.
Ad oggi risultano “fuorilegge” i Consorzi facenti parte degli ambiti coincidenti con il territorio della Città Metropolitana di Torino e delle Province di Alessandria, Cuneo e Novara, per cui la Regione ha già inviato una diffida.

La norma discussa stamane in sede legislativa della prima commissione, poi stralciata a dalla Giunta Chiamparino, avrebbe permesso lo sblocco della situazione, permettendo ai Consorzi di Area Vasta non ancora costituiti di partecipare alla Costituzione della Conferenza d’ambito regionale almeno in via transitoria, solo per sbloccare l’impasse.

Avevamo richiesto che in fase transitoria venissero esclusi tutti gli atti di indirizzo politico da parte dell’ex Consorzio di bacino per scongiurare il pericolo di affidamenti, creazioni di società e compravendite in questa fase delicata. Il benestare dell’assessore c’era ma con lo stralcio dell’articolo anche la nostra proposta ha ottenuto la stessa sorte.

Questo contesto ricalca il confuso quadro normativo già messo in atto dal centrodestra nella scorsa legislatura in cui si creò volutamente un sistema confuso sulla governance che ha portato al fallimento della vecchia riforma provocando danni ambientali incalcolabili. Sul tema della riduzione della produzione dei rifiuti il centrodestra con la complicità di Chiamparino fa retrocedere il Piemonte di anni.

 

PROVE TECNICHE DI UN PAESE NORMALE: IL MINISTRO MANTIENE GLI IMPEGNI PRESI. ORA I LAVORI POSSONO PARTIRE

PROVE TECNICHE DI UN PAESE NORMALE: IL MINISTRO MANTIENE GLI IMPEGNI PRESI. ORA I LAVORI POSSONO PARTIRE

Asti – Cuneo, prove tecniche di paese normale: il Ministro Toninelli mantiene gli impegni presi. Anche l’impegno, preso lunedì 18, di cercare di portare l’atto aggiuntivo alla riunione preparatoria del CIPE di mercoledì 20, é stato rispettato. Ora i lavori possono partire e spetta al concessionario mantenere gli impegni presi. In 9 mesi Toninelli, in stretto contatto con i portavoce M5S del territorio, ha fatto quello che i suoi due predecessori non hanno fatto in 5 anni e senza alcun supporto dalle istituzioni del territorio.

Continua