PARCO DELLA SALUTE, ICARDI TERGIVERSA SUL DIBATTITO PUBBLICO. PIENA CONTINUITA’ CON CHIAMPARINO, ENTRAMBI OSTILI ALLA PARTECIPAZIONE

PARCO DELLA SALUTE, ICARDI TERGIVERSA SUL DIBATTITO PUBBLICO. PIENA CONTINUITA’ CON CHIAMPARINO, ENTRAMBI OSTILI ALLA PARTECIPAZIONE

L’assessore Icardi fa melina sul dibattito pubblico per il Parco della Salute. Oggi in Commissione Sanità abbiamo chiesto informazioni sulla posizione della Giunta regionale in merito a questa procedura. L’assessore si è limitato a dare una parziale lettura di un documento dell’ANAC (Autorità Anticorruzione) in cui emergerebbe, secondo l’interpretazione della Giunta, il rischio di inficiare la libera concorrenza.

È bene chiarire che il dibattito pubblico per il Parco della Salute di Torino è stato aperto direttamente dal Ministero della Salute e, per legge, tocca alla Regione avviarlo.

Il dibattito pubblico consentirebbe, finalmente, un percorso davvero partecipato per un’opera di fondamentale importanza per Torino e buona parte del Piemonte. Purtroppo, da queste prime prese di posizione, registriamo la piena sintonia tra le giunte Cirio e Chiamparino entrambe ostili a percorsi partecipativi che potrebbero correggere il tiro ad importanti storture progettuali. Pensiamo, ad esempio, al numero complessivo di posti letto largamente insufficiente ed all’eccessivo spazio concesso ai capitali privati che saranno pagati, con interessi salatissimi, dai cittadini piemontesi.

Continueremo a tenere alta l’attenzione su questo fronte affinché la Regione avvii al più presto, come previsto dalla legge, il dibattito pubblico aprendo quindi il percorso decisionale a tutti i soggetti interessati: cittadini, operatori, istituzioni e forze politiche.