GIUNTA CIRIO BOCCIA PROPOSTE PER AUMENTARE LE RISORSE DESTINATE AI SERVIZI DI SOSTEGNO PSICOLOGICO COME BONUS E MISURE STRUTTURALI

GIUNTA CIRIO BOCCIA PROPOSTE PER AUMENTARE LE RISORSE DESTINATE AI SERVIZI DI SOSTEGNO PSICOLOGICO COME BONUS E MISURE STRUTTURALI

Oltre all’emergenza sanitaria e la conseguente crisi economica, esiste anche un’emergenza psicologica poco visibile ma non meno importante. Abbiamo presentato in Consiglio regionale diverse proposte per sostenere il benessere psicologico di singole persone e famiglie.

Ci siamo concentrati su alcune fragilità, come dipendenze, vittime di usura e su alcune categorie particolarmente provate dal lockdown e dallo stress lavorativo, come gli operatori sanitari e le famiglie con figli minori.

Abbiamo presentato quindi emendamenti al disegno di legge “Riparti Piemonte” e al collegato alla legge di stabilità e anche un ordine del giorno mirati a sostenere il benessere ed a promuovere la salute mentale attraverso l’introduzione sia di misure d’emergenza come il cosiddetto bonus psicologico, sia di misure strutturali come il potenziamento dei centri antiviolenza, dei servizi per la cura delle dipendenze patologiche e l’introduzione di una nuova figura: lo psicologo del territorio.

Nessuna delle nostre proposte è stata accolta dalla Giunta e dalla maggioranza. In Commissione Sanità da mesi si parla di affidi, ma quando si tratta di potenziare e di sostenere concretamente i servizi, le famiglie e i minori, la Giunta Cirio e la Lega chiudono i rubinetti.