DISTRETTO CIBO CHIERESE E CARMAGNOLESE, AL LAVORO ANCHE IN REGIONE E SUI TERRITORI PER UN OBIETTIVO COMUNE

DISTRETTO CIBO CHIERESE E CARMAGNOLESE, AL LAVORO ANCHE IN REGIONE E SUI TERRITORI PER UN OBIETTIVO COMUNE

È un’ottima notizia il via libera in Città Metropolitana della mozione per istituire il distretto del Cibo Chierese e Carmagnolese. Vogliamo lavorare a questo obiettivo anche in Regione Piemonte, e nei comuni interessati, portando il prima possibile le istanze di questi territori in Consiglio regionale ed a tutti i livelli amministrativi.
 
Faremo la nostra parte affinché la Regione Piemonte riconosca le eccellenze di questa zona come il Peperone e Salame di Giora e di Carmagnola, Tinca gobba dorata del Pianalto di Poirino, Asparago di Santena, Ciliegie di Pecetto, Cipolla Piatlina bionda di Andezeno, Freisa di Chieri. Auspichiamo un percorso unanime anche a Palazzo Lascaris, perché le buone idee pensiamo non siano né di destra né di sinistra.
 
Il riconoscimento del Distretto del Cibo è solo il primo passo, successivamente si renderà necessario sostenere l’avvio del distretto attingendo alle risorse messe a disposizione dal Piano di Sviluppo Rurale regionale 2021-2027. La strada intrapresa è quella giusta e serve la collaborazione di tutti per arrivare ad un obiettivo importante per il territorio.