10 Passi per il Piemonte. Tour M5S in tutte le province

10 Passi per il Piemonte. Tour M5S in tutte le province

Dieci passi per risollevare il Piemonte.

Per ridare dignità ai lavoratori, per investire su una sanità pubblica ed efficiente, per far ripartire l’economia locale con opere che servono davvero ai cittadini, per tutelare le nostre produzioni e le nostre eccellenze, per spingere sull’economia circolare, buona per l’ambiente, per la salute e per il portafoglio, per ridare dignità ai territori marginali e riconnettere il territorio attraverso una rete di trasporti che funzioni davvero.

Questi primi 10 passi ve li vogliamo raccontare in un Tour che toccherà tutte le province piemontesi.

Dopo decenni di governo di centrodestra e centrosinistra, il Piemonte si ritrova fermo al palo. Con una sanità piena di problemi, liste d’attesa infinite, linee ferroviarie chiuse, un trasporto pubblico che non funziona e aziende che chiudono o delocalizzano.

Noi vogliamo che la nostra Regione torni ad essere un traino economico del Paese.

Ti aspetto  per conoscere il nostro programma per un Piemonte che #cambiapasso.

Date e luoghi del tour:

  • 15 Marzo Torino
  • 22 Marzo Biella
  • 23 Marzo Novara
  • 24 Marzo Asti
  • 29 Marzo Leinì (To)
  • 30 Marzo Alessandria
  • 31 Marzo Cuneo
  • 5 Aprile Vercelli
  • 12 Aprile VCO
  • 13 Aprile Moncalieri

Per tutte le info: https://www.facebook.com/events/422719531632254/

Bilancio, promesse elettorali, entrate gonfiate e rinvii di debiti per ripianare i disastri della finanza creativa targata Bresso (PD) è l’incapacità del Centrodestra

Bilancio, promesse elettorali, entrate gonfiate e rinvii di debiti per ripianare i disastri della finanza creativa targata Bresso (PD) è l’incapacità del Centrodestra

Bilancio regionale: si rinviano al 2036 i pagamenti di mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti per ripianare i disastri causati dalla “finanza creativa” dell’amministrazione Bresso (PD) e dall’incompetenza del centrodestra. Un contratto derivato verrà parzialmente messo in sicurezza ma a pagarne le conseguenze saranno ancora una volta le generazioni future. Anche per questo sono stati rinviati ancora di un anno gli stanziamenti per una serie di investimenti importanti che aspettano il via da anni: dalle scuole (Torino, Asti, Saluzzo, Stresa) alle strade (la variante di Romagnano, la Fossano – Levaldigi, Borgo San Dalmazzo), dalla montagna (comprensorio sciistico Valsesia) ai fondi per le Province.

Un bilancio in cui sono state messe delle pezze gonfiando oltre misura le entrate del recupero evasione bollo auto fino a sforare la cifra monstre di 200 milioni, quando negli anni passati abbiamo riscosso solo una piccola parte di quanto preteso. Si rischia quindi di avere nei prossimi anni un ammanco che peserà pesantemente su una serie di capitoli importanti (trasporto pubblico locale, sanità, sociale, scuola e cultura) su cui addirittura sono comparse vere e proprie “marchette” pre elettorali. Una su tutte, i 20 milioni stanziati, solo per il 2020, per gli assegni di cura per anziani non autosufficienti. Un’operazione di facciata dal momento che in 5 anni di mandato la maggioranza di centrosinistra non è riuscita ad attuare proprio la legge che introduce gli assegni familiari. Anzi, fino a qualche tempo fa Chiamparino ed i suoi ne ipotizzavano la soppressione.

Spiace constatare anche una certa volontà di restringere il dibattito in Commissione e in Aula per chiudere in fretta il Bilancio. Pressioni a cui il Movimento 5 Stelle si è opposto chiedendo spazio e agibilità democratica per affrontare i problemi e le esigenze del bilancio regionale.

PROTEGGITALIA, 4.7 milioni per gli eventi alluvionali 2018, fondi messi subito a disposizione dal  governo

PROTEGGITALIA, 4.7 milioni per gli eventi alluvionali 2018, fondi messi subito a disposizione dal governo

Fondi per gli eventi alluvionali del 2018: il Governo ha stanziato per il Piemonte 4,7 milioni. Risorse disponibili da subito. Per fortuna nell’anno passato si sono verificati nella nostra regione eventi alluvionali nettamente minori rispetto alle altre altre regioni italiane e rispetto anche ai fenomeni registrati nel 2016 quando il territorio piemontese venne colpito duramente. Continua

Cup regionale a rischio: richiesta di fallimento per Diamante. La Giunta Chiamparino si sveglia dopo mesi di immobilismo. Ma ora è inutile

Cup regionale a rischio: richiesta di fallimento per Diamante. La Giunta Chiamparino si sveglia dopo mesi di immobilismo. Ma ora è inutile

Richiesta di fallimento per la società DIAMANTE che gestisce il Sovracup e dovrà gestire il nuovo CUP, centro unico delle prenotazioni in Regione Piemonte. Dopo mesi in cui la Giunta Chiamparino ha fatto finta di non sapere dei problemi dell’azienda, degli esposti presentati dal Movimento 5 Stelle, degli stipendi non pagati e del pessimo servizio erogato ai cittadini oggi ha finalmente preso atto della drammatica situazione di questa azienda. Continua

Consultazione perdita di tempo e denaro, Chiamparino parla di Tav per coprire il suo fallimento in Piemonte

Consultazione perdita di tempo e denaro, Chiamparino parla di Tav per coprire il suo fallimento in Piemonte

La consultazione popolare di Chiamparino è una presa in giro nei confronti dei cittadini piemontesi. Una perdita di tempo e denaro. Di tempo perché la Regione deve pensare prima a chiudere il bilancio e di denaro perché l’ente non ha nessuna competenza sul TAV. Quello di oggi è l’ennesimo spot elettorale di Chiamparino su un cantiere per il quale non ha nessun strumento per intervenire. Al massimo potrà andare a vedere il cantiere con le braccia dietro la schiena. Continua

Tav, consultazione arma di distrazione di massa di Chiamparino. Le priorità del Piemonte sono sanità, edilizia scolastica, Tpl e tutela del territorio

Tav, consultazione arma di distrazione di massa di Chiamparino. Le priorità del Piemonte sono sanità, edilizia scolastica, Tpl e tutela del territorio

Consultazione sul TAV, l’ultima arma di distrazione di massa di Chiamparino. Perché lui ed i suoi amici non hanno chiesto l’opinione dei cittadini 20 anni fa quando si iniziò a parlare dell’opera? Farlo oggi sarebbe solo una perdita di tempo e denaro, con il Consiglio regionale impegnato sul bilancio ed un’analisi scientifica su costi e benefici che parla chiaro.

Continua