Abbiamo fermato le leggi vergogna. Limitati i danni dopo lunga opposizione. Retromarcia della destra su azzardo e aumento delle specie cacciabili. Sì all’indagine su gestione emergenza covid19

Abbiamo fermato le leggi vergogna. Limitati i danni dopo lunga opposizione. Retromarcia della destra su azzardo e aumento delle specie cacciabili. Sì all’indagine su gestione emergenza covid19

Fine del muro contro muro. La maggioranza di destra, a fronte di un ciclopico lavoro da parte del M5S che ha presentato ben 1500 emendamenti su 1800, ha ritirato le proposte più imbarazzanti dalla legge “omnibus”. Dopo giorni di dibattito, è stato raggiunto infatti un accordo che prevede il ritiro degli emendamenti scandalo sulla liberalizzazione del gioco d’azzardo – una vera sanatoria per furbetti – e lo stralcio di buona parte delle modifiche della legge sulla caccia. Salve per ora otto specie: il merlo, la pavoncella, il moriglione, il frullino, la lepre variabile, il mestolone,il porciglione e il combattente.
Abbiamo limitato i danni: per la lobby venatoria e delle slot machine niente Natale in anticipo.

L’intesa prevede anche lo stop agli incarichi esterni previsti per il direttore dell’ARPA e il via libera all’indagine conoscitiva sulla gestione dell’emergenza Covid-19, guidata da una sottocommissione che sarà presieduta da un esponente delle minoranze.

Cirio e la Lega avevano quindi in mente di tramutare un collegato al bilancio – perché di questo si tratta – in un calderone omnibus pieno delle peggiori intenzioni: fucili, slot machine e favori.
Non glielo abbiamo permesso. Ora i provvedimenti più spinosi torneranno in Commissione e verranno discussi democraticamente nelle sedi opportune, audendo, come da prassi, stakeholder, associazioni e diretti interessati.
L’arma delle opposizioni in aula è il dialogo, la dialettica e la ricerca di compromesso ma la maggioranza di destra ci ha obbligati a ricorrere all’ostruzionismo più barricadero.
Ora la speranza è che dopo un anno di amministrazione abbiano finalmente compreso che governare una Regione prevede il confronto democratico.